SAQ - Sistema di Auto-accreditamento di Qualità


La notevole espansione del settore Pet Food negli ultimi anni ha portato alla nascita di centinaia di nuovi Brand e di produzioni in Private label; questo ha creato nel consumatore la necessità di individuare dei sistemi che potessero dare un’indicazione oggettiva di qualità al fine di districarsi nella scelta dell’alimento da destinare al proprio pet.

Marketing e informazione delle aziende da una parte; luoghi comuni, “sentiti dire” e complottismo diffusi tramite il web dall’altra hanno creato una tale confusione e mancanza di oggettività dal portare sempre più consumatori a spingersi verso sistemi di alimentazione che non prevedano l’utilizzo di prodotti commerciali.

Effettivamente valutare lo sforzo economico e scientifico speso da un azienda non è più valutabile tramite informazione scientifica e comunicazione diretta tramite packaging in un mondo commerciale dove chiunque può vantarsi con aggettivi che non vengono classificati da una normativa.

Le definizioni “cruelty free”, “naturale”, “ bio” sono ormai abusate e prive di significato qualitativo sia per il consumatore, sia per gli operatori specializzati, che per i Veterinari. Le grosse campagne anti-produzioni industriali coinvolgono parametri che nulla hanno a che fare con la salute di cani e gatti.

L’Auto-accreditamento SAQ si prefigge di essere un mezzo diretto che riporti direttamente il valore qualitativo del prodotto sulla confezione in modo da comunicare, immediatamente, all’acquirente e al Veterinario le variabili che hanno un impatto sulla salute dell’animale del prodotto finito e pertanto non costituisce, in modo diretto, una valutazione di parametri non scientificamente rilevanti per la salute di cani e gatti. Il sistema si applica agli alimenti di mantenimento e di accrescimento.

Pet Food Project srl in collaborazione con VetNutrition (servizio di Consulenza Nutrizionistica del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino) hanno ideato una scala di classificazione di qualità che utilizza parametri di misurazione obiettivi e inattaccabili in modo da creare una metodica di misurazione che tenga conto dei valori misurati in campo analitico per poter definire, su diversi livelli, l’impegno produttivo e scientifico al fine di poter dare valore agli investimenti effettuati dai produttori.

La suddetta classificazione diventa un sistema di valutazione indipendente grazie ad una convenzione stipulata con il Dipartimento di Medicina Veterinaria di Torino che ne garantisce l’obbiettività, la competenza e di conseguenza l’inattaccabilità del sistema e dei risultati ottenuti.

Livelli di qualità


Il Sistema di Auto-accreditamento viene diviso in due livelli , ogni livello darà garanzie diverse sulla qualità del prodotto.

Mentre il livello “Saq approved” accerta la sicurezza e l’alta qualità del prodotto il “Saq Gold” concede ulteriori certezze che possono essere fondamentali in particolari prodotti con utilizzi più specialistici. Le classi sono le seguenti:

SAQ APPROVED: i prodotti che hanno ottenuto il marchio “SAQ approved” sono sicuramente prodotti che non nocciono alla salute dell’animale. A questo fine, per l’ottenimento del marchio approved si procederà a:

Analisi centesimale: valuta la veridicità delle analisi degli alimenti dichiarate in etichetta e include le determinazioni di
  • Umidità
  • Proteina grezza
  • Grassi grezzi
  • Fibra grezza
  • Ceneri
L’analisi chimica viene analizzata in funzione dei livelli di tollerabilità permessi dalla normativa europea che stabilisce una minima oscillazione dei tenori analitici.

Valutazione dei livelli di macronutrienti, micronutrienti, vitamine liposolubili e idrosolubili: per essere definito nutrizionalmente completo e bilanciato, un alimento deve contenere in quantità corretta più di 13 minerali e 13 vitamine. Livelli inadeguati possono causare gravi stati carenziali responsabili di stati patologici clinici e sub-clinici. Anche l’eccesso di alcuni di questi può indurre intossicazioni e stati patologici. La determinazione dei livelli di minerali e vitamine del livello Saq approved comprende tutti i minerali e vitamine per cui esiste un livello consigliato dalle Linee Guida FEDIAF.

Analisi micotossine: le micotossine analizzate saranno quelle che possono costituire un danno grave per la salute dell’animale (carcinogenetiche o teratogene) e che potrebbero essere presenti nel petfood a livelli dannosi per la salute di cani e gatti
  • Aflatossine (metodica UNI EN ISO 16050 :2011)
  • Zearalenone (metodica AOAC 985.18 1988 Limite di rilevabilità 1,75 ppb)
  • Ocratossina A (metodica UNI EN 14133:2004)
  • Tossina T2 (UNI EN 15791:2009)
  • Tossina HT2 (UNI EN 15791:2009 > 10 ng/kg)
  • Deossinivalenolo (DON) (metodica ELISA, AOAC RIDASCREEN FAST DON)
  • Fumonisine (B1, B2)
Melamina: in seguito a derrate alimentari contaminate molte aziende sono state vittime di screditamento a causa di presunta volontarietà nell’inclusione di melamina nelle farine proteiche. E’ così che di fronte all’opinione pubblica le aziende produttrici sono passate da vittime a colpevoli. Essendo ancora vivo nella memoria dei consumatori lo scandalo che portò al ritiro di numerosi lotti dal mercato questo diventa un indispensabile parametro necessario a infondere sicurezza al consumatore finale.

GOLD: i prodotti “SAQ Gold” oltre ad includere le valutazioni per il livello Approved, contraddistinguono un prodotto per cui tutte le comunicazioni incluse in etichetta sono veritiere, scientificamente dimostrate e non ingannevoli. Questo è il livello che dà le massime garanzie sulla qualità del pet food e, pertanto, oltre ai parametri precedenti include:

Digeribilità dell’alimento e dei suoi componenti nutritivi: la qualità delle proteine e delle materie prime influenza direttamente il valore di digeribilità del prodotto finito. Pertanto quanto più è elevata la digeribilità, tanto maggiore sarà la qualità delle materie prime. La digeribilità di un alimento è una percentuale (principi nutritivi eliminati con le feci in rapporto ai principi nutritivi ingeriti) che può essere determinato in modo totalmente non invasivo tramite metodiche in vitro (Hervera et al., 2007; 2008; 2009)

Valutazione dello stato di ossidazione: un alimento mantiene il suo potere nutrizionale se i suoi principi nutritivi mantengono la qualità fino alla data di scadenza dell’alimento. La valutazione della shelf-life di un alimento deve essere correttamente determinata al fine di garantire un prodotto di qualità fino alla scadenza

Identificazione di Specie tramite PCR: tramite metodiche di Polymerase Chain Reaction è possibile verificare se l’alimento contiene effettivamente le specie animali dichiarate in etichette e, soprattutto, se l’alimento non contiene altre specie animali. La determinazione è composta da due fasi: una prima fase di screening che evidenzia le grandi categorie zoologiche (Uccelli, Mammiferi e Pesci) e una seconda fase che identifica le diverse specie ritrovate nell’alimento (Pollo, Anatra, Tacchino, Quaglia, Cavallo, Bovino, Cervo, ecc…)

Residui di trattamenti antibiotici: studi recenti (Odore et al., 2015) dimostrano la potenziale citotossicità dei residui antibiotici nelle materie prime per pet food. Tale elemento è di particolare interesse per il consumatore ma anche per la sanità animale sul problema delle antibiotico-resistenze in crescente aumento nei pet.

Modalità di accesso al servizio


Ciascun produttore/distributore richiede di sottoporre uno o più dei suoi prodotti ad una valutazione, in funzione del livello che vuole ottenere. Una volta eseguite le procedure analitiche, se l’esito è positivo, potrà riportare il relativo marchio che identifica il grado di qualità per un anno a partire dalla data della consegna dei primi risultati analitici. Il prodotto che non avrà ottenuto una valutazione adeguata alle aspettative del produttore ma avrà comunque ottenuto un marchio, potrà essere contraddistinto dal marchio oppure no (a discrezione del committente). L’esito negativo, ossia il prodotto che non rientra in nessuna categoria, non verrà reso pubblico. La possibilità di utilizzo del marchio decade alla prima analisi non in linea con i parametri e il produttore, ha 60 gg per rimuovere il marchio dalle confezioni.

Modalità di campionamento


I campioni da analizzare verranno reperiti direttamente nei punti vendita. Le analisi saranno eseguite da laboratori accreditati (diversificati a seconda della competenza) secondo le metodiche ufficiali, se previste, o secondo metodiche pubblicate (nel caso non sia previsto un metodo ufficiale.

Modalità di diffusione dei dati


Tutte le analisi sui prodotti testati saranno accessibili, se il produttore acconsentirà, sull’area riservata dei siti web www.vetnutrition.info oppure www.petfoodproject.it. L’utente registrato (a cui è stata comunicata una pw) potrà visionare i relativi test eseguiti sui prodotti.

La diffusione dell’informazione relativa alla caratterizzazione della qualità potrà essere trasmessa tramite la propria forza vendita e il materiale informativo verrà trasmesso alle aziende aderenti in formato digitale.

Le aziende potranno distribuirlo in formato elettronico o cartaceo a discrezione dell’aderente.

Ulteriori informazioni sulle modalità e sulle garanzie del sistema saranno disponibili a tutti tramite i nostri siti.

Per preventivi e informazioni:



Pet Food Project srl – Via Francesco Fornari, 55 – 00124 Roma - email: info@petfoodproject.it - www.petfoodproject.it

Vet Nutrition – L.go Braccini, 2 – 10095 Grugliasco (TO) – email: nutrizione.veterinaria@unito.it - www.vetnutrition.info